KTM 690 SMC R 2014 impressioni di guida

Recensione e prova di guida della KTM 690 SMC R 2014 da parte di un tale sconosciuto, appassionato di moto.

albula pass ktm smc 690 r 2014

Indice:

Link utili:

Prime impressioni di guida

Ho tritato 1.000 km ed il primo tagliando è arrivato, ho fatto un po di strade con percorsi molto differenti, dal misto lento al misto veloce e posso esprimere le mie prime impressioni di guida sul mio nuovo acquisto: una KTM 690 SMC R 2014.

Nei primi 500 km la moto era molto legnosa sia di sospensioni che di motore, scorbutico e nervoso soprattutto sotto i 3.000 RPM. Percorrendo km la moto si è ammorbidita: le sospensioni sono sempre rigidissime ma adesso si percepiscono, il motore è diventato meno spigoloso e gestibile ai bassi regimi.

Motore

Il motore è forte e divertente, ha una gran forza a salire di giri. Il range di utilizzo è abbastanza corto (dai 3.500 rpm agli 8.000 rpm), mi aspettavo maggior fruibilità ai bassi regimi. La rapportatura finale originale è troppo lunga a mio giudizio. Nonostante questo setup di partenza il mezzo regala allunghi molto decisi e strappa-braccia, difficilmente troverete mezzi in grado di staccarvi in ripresa.

Per il mio nuovo gioco ho cercato un mezzo crudo, dall’animo racing ma che non mi creasse i problemi di affidabilità che avevo molto sofferto con la VOR 503 Vertemati, ovvero una durata meccanica vergognosa (in 1.000 km mi è esploso il motore due volte).

Questo mono non soffre le lunghe distanze, i tagliandi ogni 10.000 km la dicono lunga sulle differenze di manutenzione in confronto con i motard racing 450 cc. In diversi forum si consiglia di fare il tagliando a circa 7.000 – 8.000 km quindi leggermente prima rispetto a quanto scritto nel manuale uso e manutenzione. A mio parere resta comunque un ottimo intervallo di manutenzione.

Il mono vibra, i primi 500 km servono per farsi la pelle e le chiappe: mani, polsi e sedere non sono certo in poltrona…

…chi acquista una moto del genere non la vuole nemmeno una poltrona!

L’unico problema a mio parere causato dalle vibrazioni sono le viti che si svitano 🙂 a 500 km ho perso una vite del para-calore sulla marmitta, che mi è stata prontamente sostituita dall’officina KTM. Il meccanico mi ha consigliato di tenere d’occhio le viti delle plastiche e dei para-calore perchè sono quelle che rischiano di allentarsi più facilmente con le vibrazioni.

Ho intenzione di cambiare lo scarico perchè quello di serie è davvero strozzato e sembra di stare su un DR Yamaha invece che su un mono 700 cc rabbioso. Akrapovic sarà la mia scelta non appena KTM distribuirà gli scarichi omologati per il modello 2014.

Al primo tagliando ho sostituito il pignone da 16 con uno da 15 dato che andare a 190 km/h di velocità massima è abbastanza inutile con una moto del genere (per non dire pericoloso). Con il pignone da 15 la velocità di crociera si abbassa a 100 km/h, la massima a 160 km/h circa ma la moto è molto più fruibile soprattutto nei tratti lenti e di città ai bassi regimi. Preferisco questo set-up senza dubbio, una ripresa più aggressiva ed un motore più morbido a basse velocità, con meno strappi alla catena.

Consumi

I consumi di questa moto sono ottimi, con la mappatura base in media ho fatto dai 25 km/l ai 18 km/l e devo dire che non è male per la spinta di questo propulsore. Certo, la carburazione è abbastanza magra per rispettare i limiti Euro xxx, ma non manca certo la potenza. Nel mio ultimo giro di 400 km tra passi di montagna ho consumato circa 30 € di verde plus.

Ciclistica

Il reparto sospensioni è molto buono di partenza, tutti gli elementi sono regolabili.

Dopo aver preso la mano con la moto ho dovuto regolare la compressione della forcella in modo da irrigidirla in staccata. Appena si tocca il freno la forcella tende ad affondare leggermente ma nulla che non si possa correggere con le regolazioni di compressione sullo stelo di sinistra.

Il mono posteriore l’ho trovato perfetto (hai presente il marmo di Carrara?), non ho modificato alcuna taratura. Le gomme di serie sono ottime, non hanno la patina delle gomme appena montate e si scaldano velocemente, un’ottima scelta.

L’assetto è rigido, molto rigido. La schiena e sedere ringraziano.

L’anteriore l’ho trovato più pesante di quanto mi aspettavo, le impennate di potenza si fanno ma il peso di forcelle, ruota e cruscotto si fa sentire e non poco. Probabilmente era solo questione di abitudine ma nei primi km rimpiangevo i 2°, 3° e 4° su una ruota con la Z750

Peso

Devo ammetterlo, da patito delle cross racing appena ho visto questa SMC ho pensato “ma dove vai con questo barcone? Pesa il doppio del mio mezzo ideale…”, poi dopo 1 ora la stavo acquistando (il marketing KTM è fenomenale!).

140 kg per un motard possono sembrare tanti ma se supportati da un buon motore diventano accettabili, la guidabilità è ottima, il mezzo è molto agile e veloce nel cambio di direzone. Ovvio, fosse più leggera sarebbe meglio, il purista ha sempre pane per i suoi denti! Esistono infatti tantissimi ricambi che aiutano ad alleggerire il peso della moto di almeno 5 o 6 kg:

  • batterie più leggere
  • pneumatici e cerchi più leggeri (alleggerire le masse rotanti aiuta molto)
  • plastiche in carbonio
  • fari, specchietti e frecce (in strada sono obbligatori)
  • scarico in titanio
  • catene non o-ring

Freni e ABS

L’impianto frenante è molto potente e modulabile, il grosso disco anteriore è forte ma delicato e l’ABS offre quella sensazione di sicurezza in più che non guasta mai. Il sistema anti-bloccaggio ABS è gestibile elettronicamente e si può disattivare sul freno posteriore con una semplice pressione di un pulsante sul cruscotto. Io tuttavia non ho disinserito l’ABS perchè ho una guida molto pulita di impronta stradale e non mi piace lasciare le gomme a terra con sgommate feroci 🙂 preferisco curve in piega ben impostate. De gustibus!

Ad ogni modo l’ABS Bosh funziona molto bene, entra in azione velocemente e sblocca subito la ruota. Sicuramente questa funzione è una manna dal cielo per la gomma anteriore.

Comandi

La frizione è idraulica, stacca bene all’inizio ed è morbida. L’acceleratore ride-by-wire all’inizio non mi convinceva, resto dell’idea che un comando meccanico sia più sicuro di uno elettronico e non mi piacerebbe trovarmi ad affrontare un tornante con il gas spalancato per un problema elettronico.

Sebbene il comando elettronico non sia modulabile come un gas a filo (se hai orecchio fino riesci a percepire la scaletta di progressione nell’apertura del gas), dopo averlo provato per bene  devo dire che non mi ha mai dato problemi, è leggerissimo da azionare e funziona a dovere.

Parere finale

Sono molto contento di questo acquisto, la moto mi soddisfa a fondo sia dall’aspetto sportivo che dall’aspetto affidabilità. Se ti piacciono le supermotard ma hai dubbi sulla loro affidabilità, questa moto fa per te nonostante pesi leggermente di più di un 450 cc.

Mezzo divertente, potente ed adatta all’uso quotidiano. I limiti di questa moto sono solo i giri lunghi, farsi giri da 400 km in sella a questo puledro è fantastico per l’animo ma non per il sedere, una sella più morbida magari aiuterebbe. Nel frattempo mi affido a dei pantaloncini imbottiti da ciclista 😛

La prova è stata superata a pieni voti!

Foto


Accessori installati

Vedi sezione KTM PowerParts per 690 SMC R 2014

  • [in attesa] Terminale Akrapovic
  • Gommini mozzo anteriore
  • Gommini mozzo posteriore
  • Para-motore in plastica
  • Porta-targa after market
  • Pignone del 15 (in sostituzione al 16 originale)
  • Frecce piccole posteriori e anteriori

Scheda tecnica

  • Tipo motore A ciclo Otto a 4 tempi, 1 cilindro, raffreddato a liquido
  • Cilindrata 690 cm³
  • Alesaggio 102 mm
  • Corsa 84,5 mm
  • Potenza 49 kW (67 Cavalli)
  • Ausilio per l’avviamento Avviamento elettrico, decompressore automatico
  • Trasmissione 6 marce, innesto frontale
  • Lubrificazione del motore Lubrificazione a circolazione forzata con 2 pompe rotative
  • Rapporto di trasmissione primario 36:79
  • Rapporto di trasmissione secondario 16:42
  • Raffreddamento Raffreddamento a liquido, a riciclo mediante la pompa dell’acqua
  • Frizione Frizione antisaltellamento APTC™ in bagno d’olio/azionata idraulicamente
  • Impianto d’accensione Impianto d’accensione statico completamente elettronico con messa in fase digitale dell’accensione
  • Telaio Telaio a traliccio composto da tubi di acciaio in cromo molibdeno, verniciato in polvere
  • Forcella WP Suspension Up Side Down 4860 ROMA
  • Ammortizzatore WP Suspension 4618 con sistema di sospensioni Pro‑Lever
  • Escursione anteriore 250 mm
  • Escursione posteriore 250 mm
  • Impianto frenante anteriore Freno a disco con pinza fissa radiale a quattro pistoni
  • Impianto frenante posteriore Freno a disco con pinza a un pistone, flottante
  • Diametro dei dischi del freno anteriore 320 mm
  • Diametro dei dischi del freno posteriore 240 mm
  • Catena 5/8 x 1/4” anello a X
  • Inclinazione cannotto sterzo 63°
  • Interasse 1.480±15 mm
  • Altezza libera senza carico 270 mm
  • Altezza sella senza carico 890 mm
  • Capacità tot. serbatoio del carburante ca. 12 l
  • Carburante super senza piombo (ROZ 95)
  • Peso senza carburante ca. 140,5 kg

Video KTM 690 SMC R 2014













Forum dedicati

Abito a Como, se vuoi farti un giro con me lascia un commento 🙂

Posted in Moto Tagged with: , , ,
8 comments on “KTM 690 SMC R 2014 impressioni di guida
  1. marco says:

    ho la stessa moto e mi incuriosisce molto l akrapovic omologato.. ma dove posso trovare piu informazioni?

    • Giobrazo says:

      l’akra omologato (solo terminale) non è ancora uscito per il modello smc 2014 🙁 Sto chiedendo costantemente al concessionario per tenermi aggiornato ma al momento l’unica soluzione che tiene la garanzia è lo scarico completo che non è omologato.

  2. Federico says:

    Ciao, ti chiedo una informazione (anzi due 🙂 ) dove hai trovato il porta targa e le frecce piccole?Per le frecce hai dovuto modificare gli attacchi o hai trovato degli adattatori con gli spinotti ktm? Ciao e ti ringrazio in anticipo se mi risponderai!
    Have a good ride! Federico

    • Giobrazo says:

      Ciao Federico, porta targa e frecce le avevo fatte montare dal concessionario Corti Moto di Albavilla quando acquistai la moto, se li chiami ti sanno dire la marca 😀 Io non ho più quel mezzo quindi non posso guardare. Mi spiace!

  3. Federico says:

    Ah ok, ti ringrazio per la risposta! Buon proseguimento, complimenti per il blog!Ciao

  4. Tommaso says:

    Ciao! Bellissimo articolo, complimenti davvero! Passi mai per Lecco. Sarebbe bello trovare qualcuno con cui fare qualche giretto ogni tanto. Ciao
    Tommaso

    • Giobrazo says:

      Grazie Tommaso 🙂 ora ho l’Africona ma comunque da lecco passo spesso per fare passo san pietro e san marco, quando vuoi!

      • Tommaso says:

        Speravo tanto che mi rispondessi!!! Bellissima moto quella 🙂 come facciamo a metterci in contatto? Vedi la mia mail?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Like it!

Advertising

Archivio

Canzoni Marsala – World Of Warcraft